-

galleriafoto

ricerca iscritto

 
Clicca qui per visualizzare la guida all'utilizzo della webmail e alla configurazione dei principali client di posta elettronica
Guida per l'aggiornamento dei parametri di configurazione
  

 

winmail
Winmail Opener programma di utilità che consente di visualizzare ed estrarre contenuti dei file codificati TNEF (winmail.dat infame).
Winmail Opener in grado di decodificare e visualizzare RTF testo del messaggio e tutti gli allegati incorporati, ha il pieno supporto drag-and-drop e supporta la modalità a riga di comando per la decodifica in batch.

Eutekne.info

Al via la consultazione dinamica della cartografia catastale
Attivo da ieri sul sito dell’Agenzia delle Entrate il nuovo servizio di navigazione ad accesso libero.
Dal 1° dicembre si può presentare domanda per il reddito d’inclusione
Per il 2018 l’INPS verserà il REI anche senza progetto personalizzato, ma la sua sottoscrizione andrà comunicata entro sei mesi dalla prima erogazione.
Pronto il modello per la dichiarazione on line della sostitutiva sui mutui
Sono state approvate anche le istruzioni e le specifiche tecniche; si utilizzerà dal 2018.
Sgravi per contratti di solidarietà con stima dell’onere contributivo in istanza
Tra le cause di inammissibilità delle domande il difetto della firma digitale.
Niente secondo acconto IRES e IRAP se l’esercizio sociale è inferiore all’anno
Secondo la DRE Veneto, manca l’undicesimo mese del periodo d’imposta, entro il quale andrebbe eseguito il pagamento.
Da rivedere le regole sulle note di credito nelle procedure concorsuali
Secondo la Corte Ue è eccessivo imporre al fornitore di attendere l’infruttuosità della procedura, la cui durata media supera i dieci anni.
Cessione della clientela senza adeguata verifica
Potrebbe rilevare l’adempimento posto in essere dal professionista cedente.
Per la nuova web tax arriva il credito d’imposta
Il testo riformulato dell’emendamento al Ddl. di bilancio 2018 precisa meglio gli aspetti applicativi del prelievo.
NASpI compatibile anche con il reddito da attività professionale
L’INPS illustra la compatibilità e la cumulabilità dell’indennità di disoccupazione con i redditi derivanti da specifiche attività.
Con la mancata ritenuta nelle locazioni brevi niente sanzioni al locatore
Il comma 5 dell’art. 4 del DL 50/2017 individua, come soggetti passivi, solamente i soggetti che esercitano attività di intermediazione.
Ricorso contro i costi da reato senza sindacato penale
A diverse conclusioni si dovrebbe però giungere nell’ipotesi della prescrizione.
Non vessatoria la clausola claims made che copre la richiesta di risarcimento
È nella libera autonomia delle parti far coincidere la definizione del sinistro con la richiesta di risarcimento, indipendentemente dalla data del fatto.

Ti trovi qui:

Home > Formazione > Newsletter > In evidenza

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail


alt  CNDCEC - PROGRAMMA DI FORMAZIONE DEI REVISORI LEGALI PER L’ANNO 2017 - EQUIPOLLENZA CON LA FORMAZIONE EROGATA DAGLI ORDINI TERRITORIALI

Si ricorda che con determina del Ragioniere Generale dello Stato n. 37343, pubblicata sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze in data 15 marzo 2017 (www.revisionelegale.mef.gov.it), è stato approvato il programma di formazione dei revisori legali per l’anno 2017 e sono state fornite agli Ordini Territoriali le istruzioni per definire i programmi degli eventi formativi in modo da garantire l’equipollenza tra l’attività di formazione prevista dagli Albi professionali e la formazione dei revisori legali.

L’obbligo formativo, introdotto dal D.Lgs. 39/2010, decorre dal 1° gennaio 2017 e deve essere assolto con l’acquisizione in ciascun anno di almeno 20 crediti formativi, per un totale di un minimo di 60 crediti formativi nel triennio.

Almeno 10 crediti formativi annui devono essere conseguiti nelle materie cosiddette caratterizzanti per la revisione legale ricomprese nel programma tra le:

- Materie Gruppo A (gestione del rischio e controllo interno, principi di revisione nazionali e internazionali, disciplina della revisione legale, deontologia professionale ed indipendenza, tecnica professionale della revisione).

Gli altri 10 crediti formativi annui devono essere conseguiti nelle restanti materie di cui all’art. 4 comma 2 del D.lgs. 39/2010 ricomprese tra le:

- Materie Gruppo B (contabilità generale, contabilità analitica e di gestione, disciplina del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato, principi contabili nazionali ed internazionali, analisi finanziaria)

 - Materie Gruppo C (diritto civile e commerciale, diritto societario, diritto fallimentare, diritto tributario, diritto del lavoro e della previdenza sociale, informatica e sistemi operativi, economia politica, aziendale e finanziaria, principi fondamentali di gestione finanziaria, matematica e statistica).

L’attività formativa può essere svolta attraverso la partecipazione a:

-   programmi di formazione a distanza erogati dal MEF, anche attraverso organismi convenzionati,

-   attività formative poste in essere da soggetti pubblici o privati previamente accreditati dal MEF,

-   attività formative, fruite da Revisori Legali ed erogate dagli Albi professionali di appartenenza o da società di revisione legale, dichiarate conformi dal MEF al programma annuale di aggiornamento professionale.

In sintesi, i crediti conseguiti attraverso la partecipazione ad eventi formativi accreditati dall’Ordine aventi ad oggetto le materie sopra riportate (Gruppo A, Gruppo B e Gruppo C) assumono rilevanza sia ai fini della formazione professionale continua dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili sia ai fini della formazione professionale continua dei Revisori Legali.

Al fine del riconoscimento della formazione assolta dagli iscritti ad un Ordine per l’attività formativa dallo stesso organizzata e conforme al programma di formazione dei Revisori Legali, lo stesso Ordine sarà chiamato a comunicare annualmente al MEF l’avvenuto assolvimento dell’obbligo formativo da parte dei revisori iscritti nel proprio Albo.

In tal senso si invitano tutti gli iscritti ad accertare la correttezza dell’indicazione relativa all’iscrizione nel Registro dei Revisori Legali, verificabile sulla propria scheda personale consultabile sul sito dell’Ordine, dove dovrà essere presente la dicitura “Revisore Legale: SI”.

A breve l’Ordine provvederà ad aggiornare la posizione di ogni iscritto con l’inserimento, nella scheda riportante i crediti formativi dallo stesso conseguiti dal 1° gennaio 2017, anch’essa accessibile nell’area riservata del sito, dei crediti aventi rilevanza anche ai fini della revisione legale e ricompresi nelle Materie Gruppo A, Materie Gruppo B e Materie Gruppo C.

L’Ordine provvederà altresì nell’informativa periodica inviata agli iscritti ed avente ad oggetto le proposte formative dallo stesso accreditate, a dare specifica evidenza degli eventi formativi validi anche ai fini della formazione continua dei Revisori Legali.

Al fine di garantire agli iscritti un’offerta formativa completa, l’Ordine organizzerà nella seconda parte dell’anno uno specifico corso, strutturato in più giornate di studio, che consentirà il conseguimento dei necessari crediti nelle materie incluse nel programma di formazione continua dei Revisori Legali ed in particolare nelle Materie Gruppo A.

Si segnala infine che si è tuttora in attesa della pubblicazione da parte del MEF delle ulteriori indicazioni per l’assolvimento degli obblighi formativi ai sensi dell’art. 5 del D.Lgs. 39/2010, anche in merito alla sussistenza di eventuali casi di riduzione od esonero dall’attività formativa.

Non appena tali indicazioni saranno rese disponibili, ne verrà data pronta comunicazione agli iscritti.

La determina e l’allegato programma sono pubblicati sul sito del MEF.

Normativa di riferimento

Testo della determina

Informativa CNDCEC n. 16/2017